sabato 22 settembre 2007

E' tempo di preparativi per la "Notte" edizione 2007!

Vietato mettere il sacco a pelo in naftalina! Ogni anno, il 17 ottobre, l'associazione Insieme nelle Terre di mezzo e il giornale di strada Terre di mezzo organizzano la Notte dei senza dimora, in occasione della Giornata mondiale di lotta alla povertà.

La parola d'ordine? Partecipare, partecipare partecipare.

Portando materassino e sacco a pelo e stendendosi sul marciapiede insieme a noi, danzando e cantando in allegria.
Ma anche dandoci una mano nella preparazione.
In tutta Italia, la Notte è coordinata da Terre di mezzo.

A Milano e Roma, la Notte dei senza dimora è organizzata dall'associazione Insieme nelle Terre di mezzo, insieme con le associazioni della cordata romana e meneghina.

Contatta:
nottesenzadimora@terre.it tel. 02-58118328
nottesenzadimora-roma@terre.it tel. 334-8262612
Se vuoi organizzare nella tua città la Notte dei senza dimora, contatta
Ilaria Tavasci, nottesenzadimora@terre.it tel. 02-58118328

Archivio delle passate edizioni
Tutte le info sull'edizione 2007

testo tratto da Terre di Mezzo

Penso che questa sia una bella iniziativa, per una sera all'anno ci si mette nei panni di coloro che sono più sfortunato di noi. Si cerca di passare in allegria e gioia una notte con persone che non dormono da tempo su un letto con le lenzuola e che non hanno la televisione o la macchina...

Per una sera si dedica il tempo a color che solitamente ignoriamo o cerchiamo di non vedere, facciamo di tutto per ignorarli, le volte vorremmo che sparissero, ma sono persone come noi che hanno bisogno di aiuto e di solidarietà.

Il mio non vuole essere un predicozzo alla "dai il tuo 8 per 1000 alla Chiesa Cattolica per aiutare i più bisognosi", ma un semplice gesto per ricordare e cercare di aiutare chi è meno fortunato di noi...

2 commenti:

Chiara ha detto...

non so, condivido lo spirito dell'iniziativa, però mi sembra un modo per sentirsi a posto con la coscienza. quante persone nella vita di tutti i giorni i senza tetto neanche li vedono per la strada, o fanno finta di non vederli... e se proprio proprio finta non possono fare, allora improvvisamente non hanno neanche 50 centesimi nel portafoglio...che sfiga! non voglio fare la moralista, nè mi sento senza colpa e senza macchia...ed è proprio per questo che mi sentirei un pochino ipocrita ad andare... non so, sono combattuta!

Taz ha detto...

Beh potrebbe essere un modo per "espiare le colpe"... e se così ti può sembrare troppo, allora se sei interessanta vedi la cosa sotto un altro punto di vista: "E' una serata fuori dl normale, che merita di essere vissuta..."

Anch'io comunque non mi sento senza macchia e senza colpa e quindi non voglio fare il predicozzo a nessuno, come ho già scritto sul post.
Ciao!

ps continua a scrivere Chiara, sei un ottimo interlocutorio...